martedì 9 aprile 2013

Anonymous ha hackerato Israele


#OpIsrael: tre miliardi di danni?

Oltre 100mila i siti colpiti, 19mila i profili Facebook hackerati. Anche Anonymous hackerato da gruppi indipendenti israeliani.

 - Ieri l'attacco hacker del gruppo Anonymous ha preso di mira Israele. Dopo l'annuncio dei giorni scorsi che si proponeva di cancellare Israele da internet, ieri è stato il giorno di #OpIsrael. Durante la giornata, molti siti governativi e istituzionali israeliani hanno smesso di funzionare, da quello del Mossad a quello del Ministero degli Interni, dal sito dell'ufficio del primo ministro a quello della Knesset, fino alle principali banche del Paese.

In totale, sarebbero stati 100mila i siti web target del gruppo, 40mila le pagine Facebook, 5mila i profili Twitter e 30mila conti bancari. Nelle homepage dei siti colpiti sono apparsi slogan pro-Palestina, canzoni, il logo di #OpIsrael e la foto del prigioniero palestinese in sciopero della fame, Samer Issawi.

Secondo le autorità israeliane, i danni non sarebbero stati ingenti. Diversa la versione degli hacker, ripresa anche da alcuni media internazionali: Israele avrebbe perso tre miliardi di dollari ieri nell'attacco cibernetico. Ad essere colpiti, tra le 40mila pagine Facebook anche 19mila profili di molti esponenti delle istituzioni israeliane: gli hacker hanno modificato i loro status, facendogli dire di sostenere la causa palestinese.

Ma l'operazione non pare terminata. Nel video apparso su YouTube, Anonymous promette tre fasi di attacco. La prima è andata, la seconda e la terza restano una sorpresa.

Eppure anche gli hacker sarebbero stati hackerati: gruppi indipendenti israeliani affermano di essere entrati nel sito di Anonymous e di averne cambiato la homepage dove invece di messaggi anti-israeliani, l'audio del sito è diventato l'inno nazionale di Tel Aviv, "Hativkvah". Yitzhak Ben Yisrael, capo del National Cyber Bureau, ha detto che #OpIsrael è stata un fiasco: "Per quello che ci si aspettava, non ci sono stati veri danni. Anonymous non ha le capacità per colpire le infrastrutture vitali del Paese. E se anche questa fosse stata l'intenzione, non avrebbe dovuto annunciarlo prima".

Anche il sito del Cyber Bureau, però, ieri è rimasto al buio. Un caso?

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=70443#OpIsrael-tre-miliardi-di-danni-

.
iscrivendoti a questi siti guadagni ogni giorno
.

 
.
  Guadagna soldi

.

.

.

clicca sui banner per saperne di piu'
.

.

Nessun commento:

Posta un commento

Sono Webmaster Freelance http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Sosteniamo Mundimago

Segui RIFLESSI da Facebook

Segui RIFLESSI da Facebook
Siamo anche qui

Seguici da FACEBOOK

Seguici da FACEBOOK
siamo anche qui

Post più popolari