mercoledì 26 gennaio 2011

creare un e-book utilizzando il modulo Writer OpenOffice



Creare un e-book
Con OpenOffice Writer
ed altre risorse gratuite

Formato della Guida:  File PDF   Kb 1.300               55 pagine
Autore: Michele Arcadipane 
Formato download:   File compresso  865 Kb
Realizzata con Open Office.org 2.0.3
Rilasciata sotto GFDL (Gnu Free Documentation License) 
La guida spiega come creare un e-book utilizzando il modulo Writer OpenOffice.org (analogo al più noto Microsoft Word ma assolutamente gratuito e open source) come sistema di videoscrittura e, dal testo con esso creato o semplicemente formattato ed organizzato, realizzare dei documenti PDF con segnalibri (leggibili con Acrobat Reader o altri readers di documenti PDF) ovvero dei documenti LIT (leggibili con Microsoft Reader: ovviamente su computers e palmari con sistemi Microsoft).
Il formato PDF, anche con i segnalibri (una sorta di sommario composto da link interni che permettono di saltare da un punto ad un altro dell'e-book) è generato automaticamente da OpenOffice Writer.
Il formato LIT (ancorchè abbisogni di un sistema MS Windows) è realmente il più godibile per romanzi e racconti, soprattutto nei palmari (ovviamente con Windows mobile). Per realizzare un LIT dovremo, però, sobbarcarci di un paio di passaggi in più: salvare l'e-book in formato HTML (sempre da OpenOffice) e utilizzare un programma (Reader Works standard) che converta l'html in LIT in poche operazioni, dotandolo di un sommario.
Non ho scelto Reader Studio, che consentirebbe di avere delle copertine personalizzate, sia perchè non riesce a generare un Sommario funzionante per il LIT partendo dallo stesso file htm prodotto da OpenOffice, sia -soprattutto- perchè non risolve le entità carattere HTML e, quindi, ad esempio, ”anzichè” viene visualizzato (nel corpo del LIT) come “anzich&egrave”, e così per tutti i caratteri non standard.

Anche se la guida è finalizzata alla creazione di e-books, tuttavia può servire anche per avere una sintetica descrizione dell'utilizzo di OpenOffice Writer nella versione 2, e di Reader Works standard.
In Appendice sono riportati consigli e trucchetti vari, nonché una sezione per gli utenti di MS Word.
Il sorgente (documento .odt) è scaricabile cliccando qui: “Creare ebook.odt”
.

. -


.

Convertire in Pdf un documento




Convertire in Pdf un documento è un’operazione molto semplice grazie ad alcuni servizi gratuiti online. Abbiamo già trattato l’argomento nell’articolo Trasformare file Word in PDF, in cui ho suggerito l’utilizzo del servizio PDF Converter.

Ma perchè è utile convertire un file in PDF?

Convertire un file word o altro in PDF è molto utile, infatti ti consente di:

* Ridurre le dimensioni del file, senza un’eccessiva perdita di qualità
* Il file in formato PDF è leggibile da qualsiasi sistema operativo (Windows, Mac, Linux…etc.)
* Creare un Ebook professionale da distribuire gratis o vendere

Se sei interessato in particolare a quest’ultimo punto, segui il Blog in questi giorni, perchè è quasi pronto un articolo specifico, per non perdertelo iscriviti al mio Blog.

Ora vediamo un altro eccezionale servizio online, utile per convertire in un file PDF qualsiasi tipo di file: Doc 2 PDF.

Il vantaggio principale del servizio Doc 2 PDF rispetto a PDF Converter è che il primo ti dà la possibilità non solo di convertire i file word, ma anche altri:

* RTF (Formato Rich Text)
* TXT (Formato Testo Semplice)
* DOC (Formato Word)
* XLS (Formato Excel)
* PPT (Formato PowerPoint)

Convertire in PDF con Doc 2 PDF Online è semplicissimo. Tutto ciò che dovrai fare è cliccare sul bottone “Sfoglia”, caricare il file da convertire e cliccare su “Convert To PDF”. Avrai il tuo documento convertito e la tua creazione in formato PDF, nel giro di pochissimi minuti. Analizziamo altri vantaggi di Doc 2 PDF rispetto a PDF Convert:

* Conversione del file più rapida
* Nessuna limitazione di tempo o numero, puoi convertire in PDF quanti file vuoi!!

Purtroppo il servizio ha una pecca non di poco conto. Durante il processo di conversione, non riconosce i link, cosa che PDF Converter fa alla perfezione. Un secondo svantaggio è la modalità di spedizione.

Il file ti viene spedito come allegato ad una email, in formato PDF (non zippato). Spesso, i server di posta bloccano questo tipo di file, quindi potreste non ricevere il file convertito.

In conclusione, per convertire un file per la creazione di un ebook con molti link all’interno, opto per PDF Converter, per tutti gli altri scopi, punto su Doc 2 PDF.


.
. -


.

creare un Ebook



creare un Ebook

Chi desidera scrivere un ebook, senz’altro lo vuol fare per vari motivi. Per esempio, uno di questi, potrebbe essere farsi un nome in una particolare nicchia di un argomento specifico.

Fare un ebook e distribuirlo gratis è un ottimo modo che diffondere il proprio nome e le proprie idee, nella rete. Questa è una tecnica del così detto Viral Marketing o Marketing Virale. Un’ottima idea è inserire all’interno dell’ebook da te creato, uno o più link che portano a prodotti a pagamento tuoi o a cui sei affiliato.

Un altro ottimo motivo per creare il tuo Ebook è aumentare le tue entrate attraverso la vendita.

Ma cosa devo fare per vendere un ebook?

Innanzitutto scriverlo.

Crea un Ebook che tratta un argomento che ti interessa e che conosci molto bene. Il contenuto dell’ebook è molto importante! Un contenuto scarso, sarà pubblicizzato molto male in giro per la rete, quindi sarà destinato al fallimento più totale.

Ti piacerebbe creare un ebook su un determinato argomento, ma non sei sicuro di saperne abbastanza da scrivere un contenuto valido?

Informati. Leggi guide o ebook sull’argomento, specializzati in una nicchia specifica dell’argomento, rendendo il contenuto il più originale possibile.

A questo punto è buona norma fare una piccola indagine sulla nicchia di mercato in cui sei ferrato, per scoprire quali sono i prodotti concorrenti e se esiste un potenziale numero di acquirenti interessati. Non sottovalutare l’importanza di questo punto, è fondamentale.

Una volta deciso l’argomento, non ti rimane che creare “fisicamente” il tuo ebook.

Il modo più semplice, quello che uso io stesso, è scrivere il tuo contenuto in un file word, per poi trasformarlo in Pdf, procedura gratuita e ben spiegata nell’articolo Convertire in Pdf tutti i File.

Certo, sarà tua cura scegliere la formattazione dell’ebook (margini, dimensione e tipo di carattere, paragrafo…etc.), per facilitarne la lettura. Normalmente si utilizzano i seguenti parametri:

* Carattere Times New Roman 16
* Interlinea 1,5
* Margini sx e dx 3 cm
* Margini superiori e inferiori 4 cm

Ovviamente, puoi variare a piacere questi parametri, tenendo ben presente di evitare di scrivere periodi troppo lunghi!

Ok, ho scritto il mio ebook, ma ora che devo fare per venderlo?

Le strade che puoi seguire sono due:

* L’Auto-pubblicazione
* Proporlo alla Casa Editrice Bruno Editore per Ebook

Vanno bene tutte e due i modi, ma ci sono delle belle differenze, vediamo insieme i pro e i contro:

Auto-pubblicazione:

* Devi fare tutto tu per il tuo ebook: struttura dell’ebook, pagina di vendita, pubblicità, tecniche di marketing etc.
* Avere una pagina di vendita per il tuo ebook, significa che devi essere in grado di creare pagine web, quindi un sito
* Devi conoscere le tecniche di marketing online per farti un nome e creare un traffico mirato al tuo sito
* Il tuo guadagno derivante dalla vendita del tuo ebook sarà del 100%

Casa Editrice Bruno Editore per Ebook:

* Azienda seria e specifica alle spalle
* Una volta accettato il tuo ebook hai a disposizione correttrici di bozze che ti aiutano nella creazione del tuo ebook
* Il marketing è, in parte, gestito dal sito della stessa casa editrice
* Non hai bisogno di un sito tuo
* Pubblicare un ebook con la Bruno Editore (leader in Italia) da prestigio all’opera
* Il guadagno non è pari all’auto-pubblicazione, ma senz’altro i diritti d’autore (30%) è molto più alto rispetto alle case editrici tradizionali.

Se hai idea di creare un ebook, tieni presente queste informazioni e per approfondire ti consiglio l’ebook Il Codice degli Ebook, scritto dall’autore più pubblicato dalla Bruno Editore (Giacomo Bruno a parte…).

Ultima raccomandazione: fare il copia e incolla non significa creare un ebook, scrivi sempre di tuo pugno e non copiare mai contenuto non tuo.

.
. -


.

COME CREARE UN EBOOK SENZA SPENDERE UN CENTESIMO

 

 

COME CREARE UN EBOOK

SENZA SPENDERE UN CENTESIMO



Gli eBooks sono oggi una delle parti più importanti del Web. Gli ebooks sono delle specie di libri presentate in forma digitale, il che li rende estremamente maneggevoli, portabili e facilmente condivisibili con altre persone. Molte persone li considerano inutili, mentre altri sono dell’opinione che sia questo l’obiettivo futuro della divulgazione dell’informazione su Internet. Ad ogni modo è fondamentale per ogni blogger sapere come creare un ebook.
Gli ebooks sono utili per promuovere il proprio sito, per costruirsi una audience, per incrementare le sottoscrizioni ai feed RSS, attrarre traffico verso il vostro sito, creare un portfolio di lavori, presentare tutti gli articoli del vostro blog in un solo file, e soprattutto per monetizzare i propri contenuti. Ma la sua utilità è affidata la fantasia di ciascuna persona.


Personalmente, non ho ancora fatto uso di ebooks, anche perché ho passato del tempo per capire come crearne velocemente e soprattutto a budget limitato. Per essere più precisi oggi voglio darvi alcuni consigli su:

Come creare un ebooks gratis

Solitamente gli ebooks si presentano in formato PDF. Per ottenere file di tale estensione ci sono due alternative:
  • Acquistare il software Adobe Acrobat, molto professionale delle sue funzioni, ma forse superfluo per quello che vogliamo ottenere noi;
  • Utilizzare il servizio di gestione documenti on-line offerto da Google: Google Docs.
  • Google docs, vi permette di creare diversi formati e documenti: documenti di testo, fogli di calcolo, presentazioni , con una semplicità disarmante. Tra i punti di forza di questa applicazione Google c’è proprio la possibilità di esportare documenti in formato PDF.


Ecco come impostare il proprio lavoro:
1.Aprite Google docs. se non avete una account di Google, e dovreste averlo, allora createvene uno gratuitamente. In questo modo avrete accesso a decine di applicazioni offerte gratuitamente da Google, compreso l’ormai famosissimo client di posta. Per creare un account potete anche andare all’indirizzo www.gmail.com.
Creato l’account non vi resta che loggarvi a: http://docs.google.com
2. Una volta entrati in Google docs, cliccate sul bottone “Nuovo documento“. Vi troverete in una pagina a tutto schermo dove potrete editare il vostro testo, formattarlo cambiando diversi tipi di font, aggiungere del codice HTML, inserire immagini e links, eseguire il controllo ortografico e molto altro.
3.Salvate il vostro documento. Quando avrete terminato di redigere il vostro ebook, cliccate sul bottone “Salva” posto in alto a destra. Potrete tornare sul vostro documento e ed effettuare tutte le modifiche che desiderate in un secondo momento.
4. Convertite il documento in PDF. Tornate nella vostra bacheca di Google docs, selezionate il vostro documento ed all’ultima voce di menù a destra “Altre azioni“, selezionate il comando “Salva come PDF“. A questo punto, il vostro file sarà convertito in un ebooks in formato PDF. Niente di più facile!
Cosa state aspettando? Create anche voi il vostro ebook di successo e iniziate a promuovere il vostro blog sfruttando tecniche di marketing alternative.


.
. -


.

giovedì 20 gennaio 2011

Fede querela siti internet, il Post Viola




 Fede querela siti internet

il Post Viola 

“Ci affideremo alla clemenza della Corte”

Emilio Fede è furioso e decide di querelare, per “incitamento alla violenza”, i siti internet che hanno diffuso il documento integrale della Procura di Milano, 389 pagine di interrogatori e intercettazioni, che nulla hanno da invidiare alla sceneggiatura di un film di Alvaro Vitali. Fede denuncia, in particolare, la grave grave violazione della privacy che si verifica con la pubblicazione dell’intero fascicolo e del suo numero di telefono privato. La notizia fa il giro delle agenzie

 

Tra gli incitatori alla violenza minacciati da Fede (lo stesso che invitava a picchiare gli studenti) c’è anche il nostro blog, tra i primi a rilanciare il documento integrale che è stato scaricato da oltre 100.000 persone in poche ore. Un best seller che ha avuto il pregio, tra l’altro, di riavvicinare molti italiani alla lettura. Vedremo come si realizzerà il proposito di Fede, che ha affidato la sua difesa al professor Giarda e all’avvocato Pecorella. Ovviamente, non disponendo, al contrario di Fede, delle risorse necessarie per sostenere eventuali spese legali, ci affideremo alla clemenza della Corte. O, in alternativa, invocheremo il legittimo impedimento.

Massimo Malerba

 http://violapost.wordpress.com/2011/01/20/dossier-procura-fede-querela-siti-internet-il-post-viola-ci-affideremo-alla-clemenza-della-corte/

 http://violapost.wordpress.com/2011/01/18/ecco-le-384-pagine-dei-giudici-con-le-prove-daccusa-contro-berlusconi-il-documento-integrale/





.
. -


.

lunedì 17 gennaio 2011

TRANI INDAGA SU MOODY'S E SENTE NUMEROSI MINISTRI ED EX


FITCH DECLASSA LA GRECIA. TRANI INDAGA SU MOODY'S E SENTE NUMEROSI MINISTRI ED EX


Storie di rating e di agenzie di rating. Tutte rigorosamente private; tutte storicamente oggetto di forti dubbi sulla indipendenza di giudizio; eppure tutte riconosciute dalla SEC, commissione USA di controllo del mercato borsistico.

Fitch ha tagliato ieri il rating della Grecia a 'junk', spazzatura, portandolo a 'BB+' da 'BBB-' con prospettive negative (come nelle scuole anglosassoni). Lo scrive la Bloomberg.
Il pesante debito pubblico della Grecia rende il Paese vulnerabile a eventi avversi, afferma Fitch in una nota.
Inoltre, aggiunge l'agenzia, nonostante i grandi progressi fatti per ridurre il deficit di bilancio nel 2010, sei punti percentuali di Pil, gli sforzi verso un consolidamento fiscale dovranno essere sostenuti per molti anni.

Moody's (un logo che è tutto un programma), ovvero Warren Buffet e il suo impero, finisce invece nel mirino della procura di Trani. L'agenzia di rating è al centro di un'inchiesta: Ross Abercromby, senior analyst dell'agenzia di rating, è stato iscritto nel registro degli indagati della procura tranese per concorso in manipolazione del mercato e aggiotaggio.
Ipotesi di reato collegate a un report che Moody's diramò la mattina del 6 maggio scorso, sostenendo che la crisi finanziaria della Grecia rischiava di contagiare il sistema bancario di altri Paesi, tra i quali l'Italia.
La Borsa, quel giorno, bruciò 20 miliardi di euro. La procura ricostruisce i fatti così: Abercromby «diffondeva in data 6 maggio 2010, a mercato aperto, verso le ore 11.15, notizie false (anche in parte) sulla tenuta del sistema economico e bancario italiano, concretamente idonee a provocare una alterazione del prezzo di strumenti finanziari».
Moody's, tra l'altro, è famosa per avere attribuito alla solidissima banca americana Lehman Brothers un rating positivo fino al giorno prima del suo improvviso fallimento nel 2008 che ha provocato perdite ingenti in moltissimi piccoli risparmiatori, anche italiani: decine di migliaia di euro di alcune centinaia di migliaia di risparmiatori italiani svaniti nel nulla in un solo giorno, nel 2007.

Il pm titolare dell'inchiesta ha iscritto nel registro degli indagati solo un manager dell'agenzia di rating ma è fortemente intenzionato ad ascoltare tutti i vertici delle istituzioni per capire fino a che punto si sia trattato solo di un infortunio del colosso americano: tutti i big dell'esecutivo si stanno mettendo a disposizione. In attesa di sapere cosa dirà il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, che dovrebbe essere ascoltato dal magistrato a Roma direttamente nel suo studio, probabilmente nei giorni tra il 24 e il 26 gennaio, martedì 12 è stata la volta dell'ex premier Romano Prodi.
Prodi, contrariamente a quanto era trapelato, si è presentato in gran segreto a Trani nella giornata di martedì scorso.
Nella sua articolata deposizione ha ribadito il suo giudizio pesantemente negativo su alcune prese di posizione delle agenzie di rating e sul mondo che regola i giudizi delle stesse su debiti sovrani e società.

http://www.cnim.it/cnimnm/manutenzione/man-news.aspx?articleid=1576&zoneid=1


.
. -


.

venerdì 14 gennaio 2011

Intel sta per lanciare un video di azione-avventura intitolata "The Chase"





Intel sta per lanciare un video di azione-avventura intitolata "The Chase"


-
-
To build excitement around the 2nd Generation Intel® Core™ i5 processor, Intel is launching an action-adventure video titled "The Chase." The spot demonstrates the performance capabilities of the new processors by creating an action-movie style chase sequence that takes place through a wide variety of program windows on a computer desktop.

Per generare entusiasmo attorno alla seconda generazione Intel ® Core ™ i5, Intel sta per lanciare un video di azione-avventura intitolata "The Chase". Lo spot mostra la capacità di prestazioni dei nuovi processori, creando uno stile action-movie sequenza di inseguimento che si svolge attraverso una grande varietà di finestre di programmi su un computer desktop.


.
. -


.

domenica 9 gennaio 2011

Le 10 strategie della manipolazione attraverso i mass media di Noam Chomsky


Le 10 strategie della manipolazione attraverso i mass media

di Noam Chomsky



1-La strategia della distrazione
L’elemento primordiale del controllo sociale  è la strategia della distrazione che consiste nel deviare l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dei cambiamenti decisi dalle élites politiche ed economiche, attraverso la tecnica del diluvio o inondazioni di continue distrazioni e di informazioni insignificanti.
La strategia della distrazione è anche indispensabile per impedire al pubblico d’interessarsi alle conoscenze essenziali, nell’area della scienza, l’economia, la psicologia, la neurobiologia e la cibernetica. Mantenere l’Attenzione del pubblico deviata dai veri problemi sociali, imprigionata da temi senza vera importanza.
Mantenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza nessun tempo per pensare, di ritorno alla fattoria come gli altri animali (citato nel testo “Armi silenziose per guerre tranquille”).

2- Creare problemi e poi offrire le soluzioni.
Questo metodo è anche chiamato “problema- reazione- soluzione”. Si crea un problema, una “situazione” prevista per causare una certa reazione da parte del pubblico, con lo scopo che sia questo il mandante delle misure che si desiderano far accettare. Ad esempio: lasciare che si dilaghi o si intensifichi la violenza urbana, o organizzare attentati sanguinosi, con lo scopo che il pubblico sia chi richiede le leggi sulla sicurezza e le politiche a discapito della libertà. O anche: creare una crisi economica per far accettare come un male necessario la retrocessione dei diritti sociali e lo smantellamento dei servizi pubblici.

3- La strategia della gradualità.
Per far accettare una misura inaccettabile, basta applicarla gradualmente, a contagocce, per anni consecutivi. E’ in questo modo che condizioni socioeconomiche radicalmente nuove (neoliberismo) furono imposte durante i decenni degli anni ‘80 e ‘90: Stato minimo, privatizzazioni, precarietà, flessibilità, disoccupazione in massa, salari che non garantivano più redditi dignitosi, tanti cambiamenti che avrebbero provocato una rivoluzione se fossero state applicate in una sola volta.

4- La strategia del differire.
Un altro modo per far accettare una decisione impopolare è quella di presentarla come “dolorosa e necessaria”, ottenendo l’accettazione pubblica, nel momento, per un’applicazione futura. E’ più facile accettare un sacrificio futuro che un sacrificio immediato. Prima, perché lo sforzo non è quello impiegato immediatamente. Secondo, perché il pubblico, la massa, ha sempre la tendenza a sperare ingenuamente che “tutto andrà meglio domani” e che il sacrificio richiesto potrebbe essere evitato. Questo dà più tempo al pubblico per abituarsi all’idea del cambiamento e di accettarlo rassegnato quando arriva il momento.


5- Rivolgersi al pubblico come ai bambini.
La maggior parte della pubblicità diretta al gran pubblico, usa discorsi, argomenti, personaggi e una intonazione particolarmente infantile, molte volte vicino alla debolezza, come se lo spettatore fosse una creatura di pochi anni o un deficiente mentale. Quando più si cerca di ingannare lo spettatore più si tende ad usare un tono infantile. Perché? “Se qualcuno si rivolge ad una persona come se avesse 12 anni o meno, allora, in base alla suggestionabilità, lei tenderà, con certa probabilità, ad una risposta o reazione anche sprovvista di senso critico come quella di una persona di 12 anni o meno” (vedere “Armi silenziosi per guerre tranquille”).

6- Usare l’aspetto emotivo molto più della riflessione.
Sfruttate l’emozione è una tecnica classica per provocare un corto circuito su un’analisi razionale e, infine, il senso critico dell’individuo. Inoltre, l’uso del registro emotivo permette aprire la porta d’accesso all’inconscio per impiantare o iniettare idee, desideri, paure e timori, compulsioni, o indurre comportamenti.

7- Mantenere il pubblico nell’ignoranza e nella mediocrità.
Far si che il pubblico sia incapace di comprendere le tecnologie ed i metodi usati per il suo controllo e la sua schiavitù.
“La qualità dell’educazione data alle classi sociali inferiori deve essere la più povera e mediocre possibile, in modo che la distanza dell’ignoranza che pianifica tra le classi inferiori e le classi superiori sia e rimanga impossibile da colmare dalle classi inferiori”.

8- Stimolare il pubblico ad essere compiacente con la mediocrità.
Spingere il pubblico a ritenere che è di moda essere stupidi, volgari e ignoranti …

9- Rafforzare l’auto-colpevolezza.
Far credere all’individuo che è soltanto lui il colpevole della sua disgrazia, per causa della sua insufficiente intelligenza, delle sue capacità o dei suoi sforzi. Così, invece di ribellarsi contro il sistema economico, l’individuo si auto svaluta e s’incolpa, cosa che crea a sua volta uno stato depressivo, uno dei cui effetti  è l’inibizione della sua azione. E senza azione non c’è rivoluzione!

10- Conoscere gli individui meglio di quanto loro stessi si conoscono.
Negli ultimi 50 anni, i rapidi progressi della scienza hanno generato un divario crescente tra le conoscenze del pubblico e quelle possedute e utilizzate dalle élites dominanti. Grazie alla biologia, la neurobiologia, e la psicologia applicata, il “sistema” ha goduto di una conoscenza avanzata dell’essere umano, sia nella sua forma fisica che psichica. Il sistema è riuscito a conoscere meglio l’individuo comune di quanto egli stesso si conosca. Questo significa che, nella maggior parte dei casi, il sistema esercita un controllo maggiore ed un gran potere sugli individui, maggiore di quello che lo stesso individuo esercita su sé stesso.

Tratto da www.vocidallastrada.com


.
. -


.

martedì 4 gennaio 2011

LAVORO, Informatici, specializzati nello sviluppo e nelle implementazioni di soluzioni tecnologiche


Le figure più ricercate attualmente


 Informatici, specializzati nello sviluppo e nelle implementazioni di soluzioni tecnologiche, operatori call center per società di telecomunicazioni, key account manager per gruppo industriale per il settore energetico e addetti alla gastronomia per la grande distribuzione, profili specializzati  nell'amministrazione, finanza e controllo, nei settori ricerca e sviluppo e tecnica e nel settore del turismo e esercizi pubblici: sono queste le figure oggi più ricercate per nuovi impieghi.

Tra le offerte attuali segnaliamo quella di Sandvik sta cercando una risorsa da inserire all’interno del team IT. Il/La candidato/a avrà l'opportunità di imparare nozioni informatiche di alto livello in supporto allo sviluppo di progetti interni alla funzione di Information Technology; quella di Ceccato Motors, Concessionaria BMW-Mini-Motorrad per ampliamento e potenziamento proprio organico, ricerca responsabile marketing, venditore, receptionist, impiegata commerciale, meccanico auto e moto; quella della Zero Computing S.r.l., azienda giovane e dinamica specializzata nella realizzazione di applicazioni WEB 2.0 in diversi settori ed a livello internazionale, ricerca due analisti sviluppatori per supportare la crescita; quella di Sacmi, Gruppo Internazionale leader mondiale nella progettazione, produzione e commercializzazione di macchinari e impianti per l'industria ceramica, plastica, per il beverage & packaging e per il food processing, ricerca progettista meccanico closures, progettista meccanico, programmatore macchine utensili, addetto macchine utensili, tecnico addetto al montaggio meccanico, capo area.
E ancora, Molteni Farmaceutici ricerca product manager senior e medical affair e servizi scientifici: il candidato deve avere un’esperienza documentabile come Informatore Medico Scientifico o ruolo simile e un’esperienza di almeno 3 anni nel marketing; mentre la Fondazione dell’Istituto Europeo di Oncologia bandisce una borsa di studio annuale di Euro 20.000 lordi destinata ad uno/a psicologo/a interessato/a a lavorare all’interno dell’Unità di Psiconcologia per lo sviluppo del progetto ‘Valutazione del Distress psicologico e dell’andamento psicologico delle donne con tumore ginecologico’; e NaturalLook, da oltre 30 anni attiva nella distribuzione e produzione di calzature anatomiche che donano benessere, ricerca assistant retail manager.
Frey Wille, azienda operante a livello internazionale nel settore gioielli di lusso smaltati, ricerca sales assistants; sempre nell’ambito dei gioielli, Pierre Lang, azienda che opera con successo nella produzione di bijoux di design a livello internazionale, cerca, invece, un impiegato nella funzione di trainer prodotto per il potenziamento del team. Multinazionale leader nel settore Healthcare, ricerca per la propria sede a Roma un direttore commerciale.
Il candidato ideale dovrà possedere una laurea e un'ottima conoscenza dell'inglese, del tedesco e dello spagnolo e almeno 15 anni di esperienza in una posizione similare, abilità nel gestire un team, spiccate capacità relazionali, ottimo standing, flessibilità e assoluta disponibilità a viaggiare; mentre una multinazionale con sedi in 23 Paesi, operante nel settore delle soluzioni informatiche industriali volte all’incremento del business, ricerca telesales representative coordinator. Mediolanum Private Banking ricerca, invece, figure con solida esperienza con Clienti Private, mentre Renault, multinazionale francese sul mercato internazionale da più di cento anni e presente in oltre 50 paesi, ricerca consiglieri commerciali per la regione Sicilia.
Autore:
Marcello Tansini

.
. -


.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Sosteniamo Mundimago

Segui RIFLESSI da Facebook

Segui RIFLESSI da Facebook
Siamo anche qui

Seguici da FACEBOOK

Seguici da FACEBOOK
siamo anche qui

Post più popolari