sabato 25 maggio 2013

Twitter diventa più sicuro


Twitter diventa più sicuro grazie all’introduzione della doppia verifica. Ad annunciarlo è la società stessa sul proprio blog e ovviamente, sul profilo Twitter. Dopo diversi attacchi di pirateria, il portale di microblogging ha deciso di ovviare al problema con un sistema di autenticazione che invia ogni volta che ci si connette un codice al proprio cellulare.

COME FUNZIONA – La novità funziona in modo analogo a quello utilizzato da Google: dopo che l’utente ha eseguito l’accesso al sito, Twitter manda via sms un codice che deve essere inserito per completare il log-in. Il passaggio è richiesto ogni qual volta si esegue un accesso al sito. Chi lo desidera può attivare agevolmente la doppia verifica sulla pagina delle impostazioni di Twitter, basta avere un indirizzo email confermato e un numero di telefono verificato. Le app collegate al proprio profilo continueranno a funzionare senza problemi, solo per alcune ci sarà bisogno di inserire una password monouso disponibile nella pagina delle applicazioni di Twitter. Il sito ha messo online anche un video esplicativo per far capire meglio come si utilizza la nuova funzione; nel clip viene spiegato che bisogna andare nella pagina delle impostazioni del proprio account, spuntare la casella “Richiedi un codice di verifica all’accesso”, cliccare poi su “aggiungi un numero di telefono” e infine, inserire il codice a sei cifre che Twitter manda al proprio telefono cellulare via sms. .
iscrivendoti a questi siti guadagni ogni giorno
.

 
.
  Guadagna soldi

.

.

.

clicca sui banner per saperne di piu'
.

.

lunedì 20 maggio 2013

Trovare foto senza copyright



Trovare foto senza copyright

 COPYRIGHT, questo sconosciuto! 

Esiste un ottimo sistema per arricchire le nostre pagine web , senza violare le leggi sul diritto d’autore e rischiare sanzioni: in rete ci sono innumerevoli siti che offrono foto e immagini, in molti casi gratis, in altri a pagamento, soprattutto se si scelgono immagini con dimensioni/risoluzioni particolari o che hanno le caratteristiche di opere creative.
Come procedere? Una volta individuata l’immagine che fa al caso nostro, bisogna leggere con attenzione le “istruzioni per l’uso” e scegliere di conseguenza.
Ho messo alla prova alcuni di questi siti  e ne cito alcuni che mi sono sembrati particolarmente ricchi e chiari quanto a condizioni di utilizzo:
- OpenPhoto: le immagini sono raggruppate in categorie (es. animali, città…), ma si possono anche ricercare per soggetto nella sezione “SEARCH”, in alto a sinistra. Cliccando sull’immagine scelta, si trova la dicitura “CC: …”, dove sono indicate le famose istruzioni per l’uso. CC è l’acronimo di “Creative Commons”, ovvero i tipi di licenza: in pratica, quello che siamo liberi di fare con l’immagine che abbiamo visualizzato.
- Flickr: per trovare immagini per uso gratuito, basta utilizzare l’opzione “ricerca avanzata “ e selezionare “cerca soltanto tra contenuti con licenze Creative Commons”.
- Stock.xchng: anche qui suddivisione per categorie o ricerca nella barra , sotto la freccia verde “back”. La dicitura “Royalty free” contraddistingue le immagini gratuite, ma, per stare tranquilli, i dettagli si possono trovare nello spazio “usage options”.
- MorgueFile: il mio preferito. La ricerca è semplicissima e troverete tantissime immagini curiose, in alta definizione, senza limitazioni.
- Photl.com: ottima qualità e un download massimo di 35 MB al giorno.
- Freepixels: un catalogo vastissimo e facile da consultare. Veramente fantastica la sezione “simboli”.
- Wikimedia Commons: un classico.
- Multicolr: per palati raffinati. Permette di estrarre immagini con una determinata combinazione di colori, a nostra scelta: potremo così abbinarle alla gamma cromatica predominante nel nostro sito.
Altri contenitori dove vale la pena frugare sono Freedigitalphotos e Pixabay.

DA :
http://officineformative.it/ci-vorrebbe-una-foto-senza-copyright/?goback=%2Egde_4678892_member_241498663
 .
iscrivendoti a questi siti guadagni ogni giorno
.

 
.
  Guadagna soldi

.

.

.

clicca sui banner per saperne di piu'
.

.

domenica 5 maggio 2013

La coppia scoppia con la Tecnologia



Tecnologia a letto? La coppia scoppia

C’è chi tiene acceso l'iPhone sul comodino, chi prima di spegnere la luce dà l’ultima occhiatina alle e-mail, chi dopo l'amplesso si butta fra le "braccia" del tablet. Quanto le abitudini più comuni che ci legano all’hi-tech influiscono sull’intimità e sulla qualità dei rapporti?

Secondo una ricerca condotta dalla Meredith’s Parents Network, il 12% delle donne utilizza il telefono mentre si scambia effusioni con il partner e il 21% confessa di usarlo anche in bagno.
Lo studio "Moms & Media 2", condotto su 1041 donne nate tra il 1977 ed il 1994 e con un figlio da 0 a 12 anni, ha evidenziato che le mamme sono sempre più attaccate al proprio smartphone in qualsiasi ora del giorno e della notte per controllare email, social, SMS, vedere tv in streaming o leggere giornali.

Gli uomini, dal canto loro, non sono da meno. Un'indagine di una nota compagnia telefonica in Gran Bretagna rivela che il 30% di loro trova del tutto normale rispondere al telefono durante il sesso, adducendo la scusa di aver ricevuto, in passato, notizie importanti proprio durante i momenti di intimità. In particolare, il 51% precisa di ritenere più accettabile rispondere durante un matrimonio, il 54% più consono farlo durante una cena romantica e il 57% di rispondere al telefono persino in bagno.

Ancora, il 90% degli uomini intervistati dichiara di non poter vivere senza il telefono e molti di esser pronti a rinunciare a un incontro galante per andare a comprare uno smartphone o un pc di ultima generazione.
Parallelamente, secondo un’altra ricerca commissionata dall'azienda farmaceutica Bayer, il 28% delle donne britanniche lamenta il fatto che i partner si collegano al web trascurando la vita sessuale.
Chi proprio non può stare lontano dalla rete potrebbe, secondo la più recente dottrina scientifica, essere affetto dall’Internet addiction disorder (Iad in inglese, cioè disordine da dipendenza da Internet) o dalla Sindrome da Disconnessione (o Nomofobia, dall'inglese No-mobile) che ormai in America affligge, secondo gli esperti, addirittura 1 persona su 3 e i cui sintomi sono gli stessi di una vera dipendenza, dalla difficoltà di staccarsi dal pc all'ansia quando se ne sta lontani.

Non stupisce dunque che, secondo uno studio condotto da Harris Interactive, al termine dell'amplesso 1 persona su 5 si butti fra le "braccia" del proprio telefonino intelligente.
L’indagine, condotta online su 2000 utenti statunitensi, rivela che il 40% degli utenti si porta lo smartphone anche in bagno, il 30% lo utilizza a pranzo o cena con altre persone e per il 58% non passa ora senza dare una controllatina al display. Per non parlare di chi lo utilizza alla guida.

Per quanto riguarda l’Italia, sono 6 milioni le coppie che accendono la tv almeno per un’ora prima di addormentarsi, col risultato di fare l’amore al massimo una volta alla settimana. Inoltre, secondo un'indagine della statunitense Cleaveland Clinic, confermata da una ricerca del dipartimento di andrologia e fisiopatologia della riproduzione dell'ospedale di Latina, Santa Maria Goretti, in collaborazione con l'università La Sapienza di Roma, il telefonino ha effetti negativi non solo sulla vita sessuale di coppia ma anche sulla qualità dello sperma e degli spermatozoi che, in chi lo usa molto, risultano meno numerosi, mobili e potenti.

Gli autori hanno osservato che l'influenza delle onde elettromagnetiche permane anche se il cellulare è tenuto a distanza dall'apparato genitale, cioè evitando di tenerlo nella tasca anteriore dei pantaloni da acceso.
 .

iscrivendoti a questi siti guadagni ogni giorno
.

 
.
  Guadagna soldi

.

.

.

clicca sui banner per saperne di piu'
.

.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Sosteniamo Mundimago

Segui RIFLESSI da Facebook

Segui RIFLESSI da Facebook
Siamo anche qui

Seguici da FACEBOOK

Seguici da FACEBOOK
siamo anche qui

Post più popolari