loading...

sabato 27 gennaio 2018

Truffa del 'Ping call', il numero con prefisso +373


Truffa del 'Ping call',
 il numero con prefisso +373
 da non richiamare mai.

Torna la truffa con il prefisso telefonico moldavo, il +373, che era già stata avvistata in Italia almeno fin dal 2014. La pratica è stata denominata “ping call”: le persone ricevono una telefonata da un numero con il prefisso +373, rispondono e sentono riattaccare la “cornetta”. Molti utenti lasciano perdere, temendo una fregatura. Mentre c’è chi invece si incuriosisce e richiama, venendo dirottato su altri numeri, e portandolo senza autorizzazioni e consensi a sottoscrivere abbonamenti telefonici indesiderati.

La polizia postale ha riproposto la faccenda dopo alcune segnalazioni e ha invitato a copiare i numeri e inviarli a loro, in modo che possano essere perfezionate le indagini. Ha inoltre dato alcuni avvisi che vi riproponiamo:

“Parliamo di una truffa sempreverde sulla quale indaghiamo sempre, purtroppo con molte difficoltà perché i truffatori agiscono dall’estero e sono tecnologicamente molto evoluti. Per difendersi allora è necessario conoscere il modo in cui la truffa viene messa in atto: si riceve uno squillo sul cellulare, uno solo, da un numero con prefisso +373 o altro ma sempre estero, poi la chiamata viene interrotta. Chi vede la chiamata senza risposta, il più delle volte prova a richiamare e inizia il raggiro. Chi chiama viene dirottato su numeri e opzioni che portano a sottoscrivere un nuovo abbonamento telefonico, il tutto senza chiedere autorizzazioni e consensi.
Ma a volte basta richiamare il numero e anche senza ricevere risposta, si entra in un circuito di collegamento internazionale che prosciuga ricariche e minuti di abbonamento, perché senza saperlo si va su una linea a pagamento con costi che vanno da 1 euro e un euro e 50 ogni dieci secondi.
Le chiamate arrivano in genere di sera, tra le 18,30 e le 20,30 quando la maggior parte delle persone è più libera dal lavoro e più propensa a richiamare. Che è la cosa da evitare assolutamente. Se vi capita, invece, consigliamo di denunciare subito il fatto alla #Poliziadistato per permettere agli investigatori di raccogliere quanti più elementi sul caso“.


.

LEGGI ANCHE
GUADAGNA COL TUO BLOG

SE HAI DOMANDE COMMENTA SOTTO QUESTO POST
O CLICCA LA FOTO ED ENTRI NEL MIO SITO



Nessun commento:

Posta un commento

Sono Webmaster Freelance http://www.mundimago.org/cipiri.html

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

sconti per Te

Sosteniamo Mundimago

Segui RIFLESSI da Facebook

Segui RIFLESSI da Facebook
Siamo anche qui

Seguici da FACEBOOK

Seguici da FACEBOOK
siamo anche qui

Post più popolari