loading...

venerdì 20 maggio 2011

TV , Sky si appresta a chiudere Current TV , versione italiana del canale di Al Gore



 Sky si appresta a chiudere Current TV

versione italiana del canale di Al Gore

Current TV ha ricevuto una comunicazione da parte della pay TV Sky che si appresta a chiudere la versione italiana del canale di Al Gore.
Current è un network televisivo internazionale di informazione indipendente, fondato nel 2005 dall’ex-vicepresidente statunitense Al Gore e dall’imprenditore e avvocato Joel Hyatt: la versione italiana è partita l’8 maggio 2008, altre versioni localizzate sono visibili in Stati Uniti, Inghilterra, Irlanda e Canada. Per opporsi alla decisione è partita una campagna di opinione pubblica per difendere l’unico canale di informazione indipendente presente in Italia (come evidenziato dal comunicato seguente). Per discutere della libertà di informazione, questa sera Al Gore sarà tra gli ospiti del programma di Rai 2 “Annozero” condotto da Michele Santoro.
Secondo Current la cancellazione del canale dal bouquet Sky potrebbe scattare già a fine luglio.



SKY, decisione shock: Current verrà cancellata
Al Gore ospite da Michele Santoro ad Annozero per la libertà di informazione
Sky ribalta la decisione di trasmettere il canale di Al Gore e si appresta a cancellare il solo canale di Informazione Indipendente in Italia

Roma, Italia, 19 Maggio 2011 – Current ha ricevuto una notifica da parte di Sky, il solo distributore tv satellitare in Italia, contenente la decisione di cancellare il canale italiano. Current è stata fondata da Al Gore e Joel Hyatt 6 anni fa con lʼobiettivo di democratizzare lo scenario televisivo attraverso nuovi strumenti partecipativi di accesso ai media (integrando web e tv). Oggi il network è il solo canale tv indipendente di news e informazione negli Stati Uniti, UK e Italia, ed ha visto la più rapida crescita nel mercato della tv via cavo e satellitare degli ultimi anni raggiungendo più di 75 milioni di case in tutto il mondo.
AL Gore, Co-Fondatore e Chairman è volato oggi a Roma dove nel pomeriggio ha avuto un incontro a porte chiuse con i blogger, dando il via a una campagna di opinione pubblica da parte degli spettatori e della community di Current per richiedere a Sky di rivedere la decisione.
Decisione che arriva improvvisa e inaspettata dopo tre anni di successi di Current Italia. Il canale ha recentemente vinto il prestigioso Hot Bird Tv Award 2010 come Miglior Canale News Europeo, premio condiviso parimerito con BBC World News, ed è vista ogni settimana da più di un terzo dellʼintera audience di Sky. Le ultime ricerche condotte da GN research e TNS (gli stessi centri di ricerca utilizzati da Sky stessa) hanno confermato Current come il miglior brand di “factual entertainment” sulla piattaforma: circa il 20% degli intervistati ha indicato il canale tra i 5 favoriti, tra questi intorno al 20% (proporzionalmente circa il 4% di tutti gli abbonati Sky) hanno dichiarato che avrebbero disdetto lʼabbonamento nelʼeventualità in cui Current fosse stata cancellata. La crescita del canale nellʼultimo triennio è stata del 270% di share in Daily Time e del 550% in Prime Time (fonte: ricerca Auditel-Starcom 2010) mentre gli ascolti della piattaforma Sky nello stesso periodo restavano sostanzialmente piatti. Eʼ evidente che non si tratti di una decisione di business presa dal management.
“In un momento storico come questo di rapida transizione politica, economica e sociale, il futuro delle democrazie sane dipende dal giornalismo indipendente: senza condizionamenti e senza paura. Noi a Current abbiamo dedicato il nostro network internazionale a liberare dal guinzaglio chi racconta la verità; e per chi racconta la verità in Italia non cʼè momento più critico di questo” dichiara il Co-Fondatore di Current e Chairman Al Gore; “Sono venuto personalmente in Italia per chiedere a coloro che ci seguono con passione di far sentire a Sky che vogliono continuare a vedere Current”.
In riferimento alle implicazioni della decisione di Sky Italia, controllata al 100% da News Corporation, il Co-fondatore e Vice Chairman Joel Hyatt commenta: “Se i regolatori nel Regno Unito e nellʼUnione Europea si stanno chiedendo quale potrebbe essere lʼimpatto di un sistema televisivo satellitare totalmente di proprietà e controllo di News Corporation, non hanno che da guardare allʼItalia. Sky – in quello che non può essere chiamato in altro modo se non un flagrante abuso della sua posizione dominante – ha appena eliminato il suo solo ed unico canale di informazione indipendente, senza alcun preavviso e nonostante numerose e ripetute rassicurazioni sul proseguo della collaborazione. Eʼ ironico che Sky si promuova con lo slogan “Liberi di…”. News Corporation vuole che siano i canali di sua proprietà – e ciò che decidono di raccontare – la sola ed unica scelta”.
Current è stata lanciata con una grande inaugurazione nel Maggio del 2008 a Roma, evento trasmesso in diretta anche da SkyTg24. Tom Mockridge, CEO di Sky Italia, si era in quellʼoccasione unito alla presenza di Al Gore, annunciando agli spettatori italiani di Sky: “Affermandosi come il principale network globale per la diffusione e lo scambio di notizie e attualitaʼ, Current eʼ oggi una voce importante nella fascia dei giovani adulti. Siamo felici di introdurre questo innovativo canale in Italia”.
Mentre la maggior parte delle media company stanno tagliando i loro budget dedicati a reportage e programmi di approfondimento giornalistico, Current ha continuato ad accrescere i suoi investimenti per raccontare ai suoi spettatori le più importanti storie di attualità. Anno dopo anno, il canale ha vinto per la serie di documentari investigativi “Vanguard” ogni possibile premio giornalistico tra i più prestigiosi: dal Peabody Award agli Emmy Award, dal Livingston Award al DuPont Award.
Con un palinsesto editoriale locale per oltre il 90% e dedicato a produzioni originali, documentari e reportage, Current è diventata fonte autorevole e riconosciuta di informazione e commento dellʼattualità in Italia. “Siamo il solo canale televisivo che ha il coraggio di dire la verità anche di fronte al potere. Mandando in onda per la prima volta in assoluto il documentario “Citizen Berlusconi” nel 2009, ospitando Michele Santoro e Annozero con Raiperunanotte nel 2010 quando la Rai ne ha impedito la trasmissione o ancora portando per la prima volta il racconto personale di Roberto Saviano sul satellite, abbiamo usato la nostra piattaforma tv e web per informare, arricchire e dare ispirazione al nostro pubblico”, sottolinea il General Manager Tommaso Tessarolo.
La community italiana di Current (100mila persone sui soli social media) da oggi è stata informata dellʼingiusta e incomprensibile decisione e si prepara ad assumere una posizione di protesta, anche in qualità di abbonati Sky, in primis attraverso i profili ufficiali “currentitalia” su Facebook e Twitter.
Su Current: Current è il social-news network globale di scambio d’informazioni e attualità fondato nel 2005 dall’ex vice-presidente Usa, premio Nobel e Oscar, Al Gore. Current non ha orientamenti politici e si propone come voce indipendente in cui le nuove generazioni possono riconoscersi. Giunto nel 2008 anche in Italia, dal web (www.current.it) al satellite (canale Sky 130), Current si discosta delle usuali programmazioni TV e investe su idee e persone nuove proponendo giornalismo investigativo, reportage senza censura e documentari indipendenti. Current raggiunge nel mondo oltre 75milioni di case, di cui circa 60milioni negli Stati Uniti. Nel Regno Unito, Current è distribuito da BSkyB e Virgin.

In serata è arrivata la replica di Sky.


Sky Italia è stata la piattaforma che ha creduto nel 2008 nelle potenzialità di Current TV lanciando il canale in esclusiva. Una scelta dettata dalla convinzione che si trattasse di un canale che arricchiva l’offerta di informazione e di approfondimento della piattaforma, un’offerta che mette a disposizione dei suoi abbonati altri 64 canali di informazione italiani ed internazionali. Questa convinzione è rimasta e, per questo, quando il contratto con Current è giunto alla sua naturale scadenza, Sky Italia ha proposto un rinnovo con un’offerta in linea con il mercato, con il contesto economico e con le performance di Current. Un’offerta peraltro coerente con quelle in discussione con altri editori nostri partner, tra cui diversi editori italiani.

Il management di Current TV ha ritenuto di non rispondere neanche a questa offerta, richiedendo invece un aumento dei corrispettivi da parte di Sky pari al doppio di quelli attuali. Un livello di incremento che nessun altro editore con cui Sky collabora ha mai richiesto a Sky durante gli ultimi anni. Questa scelta ha dunque portato, nostro malgrado, alla decisione di non rinnovare questo rapporto.

Va anche precisato che, pur ribadendo l’apprezzamento per la qualità di alcuni dei programmi in onda su Current, la sua performance non è purtroppo in crescita. L’ascolto medio giornaliero di Current TV nel 2011 è stato finora di un totale di 2.952 telespettatori, con una perdita del 20% rispetto ai 3.600 spettatori medi del 2010. Se poi si analizza il prime time, purtroppo, tra il 2011 ed il 2010, la perdita di ascolti di Current TV è prossima al 40%.

Ed ecco la risposta di Current TV.

News Corporation sta diffondendo notizie imprecise in merito alla supposta richiesta di Current TV di raddoppiare il compenso a fronte di una perdita di ascolti. Infatti, Current non ha mai parlato di cifre prima di essere informata della cancellazione del canale. E’ altrettanto parziale il dato del calo di ascolti pari al 40%, in quanto fa riferimento ai soli primi quattro mesi del 2011, contro un incremento del 550% di ascolti registrato sull’intero anno di programmazione 2009-2010.


.
. -


.

2 commenti:

  1. Troppe zone d'ombra nella faccenda… A me tutto sembra tranne che una battaglia per la libertà d'informazione… Fossi in Al Gore rivedrei un po' i termini della faccenda.

    RispondiElimina
  2. A ME SEMBRA , CENSURA VERA E PROPRIA ,,,

    RispondiElimina

Sono Webmaster Freelance http://www.cipiri.com/

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Sosteniamo Mundimago

Segui RIFLESSI da Facebook

Segui RIFLESSI da Facebook
Siamo anche qui

Seguici da FACEBOOK

Seguici da FACEBOOK
siamo anche qui

Post più popolari