loading...

giovedì 18 febbraio 2010

Dipendenza da internet

Ragazzini, ma anche uomini adulti o donne in carriera, tutti con una cosa in comune: sono drogati da internet e passano le loro giornate in rete, quasi dimenticando obblighi, impegni e scadenze. In Cina e in America sono nate le prime cliniche specializzate per curare questa dipendenza, ma anche in Italia ci sono le prime vittime. Ma di cosa si tratta? Che cosa si può fare?
.

.

La dipendenza

Se ci fosse una medicina per curarla, probabilmente la dipendenza tecnologica verrebbe riconosciuta come malattia vera e propria. Per ora invece la tecno-dipendenza figura come un possibile disturbo, ma non esiste una vera e propria definizione di questo disagio, i cui contorni sono ampi e poco definiti. Il disturbo appare come l’incapacità di staccarsi dalla rete, notti intere trascorse in chat o nei social network, persone che trascurano il lavoro, la famiglia e gli interessi di un tempo, diventando sempre più irritabili e violenti.

Chi è a rischio?
Il momento più critico è l’adolescenza, perché i ragazzi sono più vulnerabili a chat e blog, ma sono molti anche i giovani adulti tra i 30 e i 45 anni che non riescono più a staccarsi dal mondo virtuale.
Un centro specializzato in Usa ha messo a punto un test con alcune domande per capire i comportamenti da tenere sotto controllo. Secondo gli esperti americani, se almeno 3-4 delle domande risultano positive si è un potenziale dipendente della rete. Le domande sono:

1. Navigare sul tuo sito internet preferito ti fa stare meglio?
2. Chattare di notteTrascorri sempre più tempo online?
3. Stai diventando sempre più irritabile?
4. Trascuri famiglia, amici e dovere per stare al computer?
5. Pensi a come connetterti anche quando stai facendo altro?
6. Ti senti in colpa quando sei online?
7. Dormi sempre meno per poter navigare o chattare?
8. Stai perdendo interesse per le altre attività che non siano il web?


Le cause di questa dipendenza
Secondo gli esperti la causa è da ricercare nella società moderna, in cui l’unico comandamento è apparire, farsi notare e diventare famosi, anche se per pochi minuti. La rete così diventa un’occasione unica per esibirsi. È sufficiente caricare foto o video o inondare i social network con ritratti e fotografie o racconti dettagliati delle proprie giornate. Gli esperti lo chiamano narcisismo da Youtube, ovvero la caccia ossessiva verso la celebrità ad ogni costo. Spesso però dietro a questo fenomeno si nascondono problemi più seri, come la depressione, la solitudine e l’ansia della vita vera.
Internet ovunque
Come combattere la dipendenza
Ci sono percorsi differenti a seconda delle esigenze e predisposizioni individuali, per uscire dalla dipendenza da internet. I più efficaci sono i gruppi di mutuo aiuto, dove persone con lo stesso problema si riuniscono periodicamente e condividono le esperienze. Un’altra via di uscita è il counseling terapeutico, dove uno psicologo favorisce la presa di coscienza delle motivazioni che spingono a quel comportamento. È comunque fondamentale trovare una persona che ci aiuti e sostenga, a cui chiedere aiuto nei momenti difficili.
.
-


.

Nessun commento:

Posta un commento

Sono Webmaster Freelance http://www.cipiri.com/

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Sosteniamo Mundimago

Segui RIFLESSI da Facebook

Segui RIFLESSI da Facebook
Siamo anche qui

Seguici da FACEBOOK

Seguici da FACEBOOK
siamo anche qui

Post più popolari